La caduta dei capelli

374732

La caduta di capelli, fino a un centinaio al giorno per le chiome più folte, va considerata un normale processo fisiologico di ricambio della capigliatura. Crescita, caduta e ricrescita dei capelli, è un ciclo che si ripete circa 20 volte durante l’esistenza di un individuo. In certe persone, in genere donne, la durata di ogni ciclo può raggiungere i 6 anni.

caduta capello uomo
caduta capello uomo
caduta capello donna
caduta capello donna

Fino a quando la caduta dei capelli rientra nei confini di questo ciclo di ricrescita non deve preoccupare e va considerata del tutto naturale.

Caduta fisiologica o caduta patologica?

Il tricogramma è un esame del capello specifico per valutare se una persona è soggetta a regolare caduta dei capelli o meno. Dunque, perdere i capelli e ritrovarli sul cuscino o sul pettine, soprattutto in autunno e primavera quando i capelli che cadono aumentano di numero per chiunque, non deve causare ansia, a meno che la caduta non ecceda una quantità proporzionata alla propria chioma.

Se il rapporto fra capelli in fase di crescita e capelli in fase di involuzione, o prossimi alla caduta, si sbilancia in favore di questi ultimi, significa che siamo in presenza di una caduta di capelli anomala. A questo punto bisogna appurare se si tratta di un fenomeno temporaneo, legato a fattori contingenti (emotivi, alimentari, ambientali, ecc.), oppure se la caduta di capelli ha cause più importanti e durature.

perdere i capelliL’esame del capello, fatta eccezione per i casi di esclusiva competenza medica (per es. le disfunzioni ormonali), permette di capire se delle anomalie della cute, come seborrea o forfora, stiano compromettendo la salute dei capelli favorendone la caduta. Nella maggior parte dei casi attraverso trattamenti tricologici localizzati si riesce ad “attaccare” le cause che provocano o incrementano la caduta di capelli, riconducendo quest’ultima entro limiti fisiologici.

Tipologie di caduta e rimedi alla perdita dei capelli

Districarsi fra le varie forme che la perdita di capelli può assumere a seconda delle cause e delle aree del cuoio capelluto che vengono colpite non è semplice. Le seguenti sezioni costituiscono una mappa per orientarsi meglio ad acquisire informazioni sulle cause e i rimedi per caduta dei capelli:

L’alterazione del ciclo di ricrescita

Come abbiamo già accennato, la caduta dei capelli, entro certi limiti, è assolutamente fisiologica e rientra nel naturale ciclo di ricrescita del capello. La nostra capigliatura, infatti, affronta tre fasi ben distinte in cui il capello nasce e si sviluppa (fase anagen), arresta la sua crescita (fase catagen) e, infine, è pronto alla caduta (fase telogen) e ad essere sostituito da un nuovo capello.

Tale ciclo di ricrescita si presenta, ovviamente, in tutti gli individui ma, nei soggetti affetti da problemi di capelli, si manifesta in modo più o meno alterato a seconda della gravità del problema. I soggetti colpiti da effluvio telogen (causato da numerosi motivi: cambio di stagione, parto, stress, traumi etc.) presentano, ad esempio, un’abbondante e concentrata caduta di capelli che si trovano in questa fase. Una casistica diversa si presenta, invece, nei soggetti colpiti da alopecia. In questo caso i capelli persi vengono sostituiti da nuovi anagen che crescono sempre più fini, sottili e, talvolta, depigmentati. Questa tendenza, se si protrae per numerosi cicli di ricrescita, porta ovviamente al diradamento e alla progressiva calvizie.

I problemi associati alla caduta dei capelli

All’alterazione del ciclo di ricrescita si associano molto spesso delle problematiche del cuoio capelluto che vanno ad acuire il problema. Si tratta di problemi come il prurito al cuoio capelluto, il dolore (che si presenta spesso associato a periodi di stress), la forfora o la dermatite seborroica. Sebbene non sempre tali alterazioni siano strettamente correlate alla perdita dei capelli è bene evidenziarne la presenza quando decidiamo di far controllare ad un esperto la nostra capigliatura.

Questo perché nel cuoio capelluto si trovano i “laboratori” in cui avviene la nascita e lo sviluppo dei capelli, ossia i follicoli piliferi. Quando il lavoro dei follicoli viene intaccato da agenti esterni si rischia, infatti, di compromettere in modo importante il ciclo di produzione del capello che, come abbiamo visto, è un elemento fondamentale per poter vantare una chioma sempre forte e in salute.

I rimedi per la caduta dei capelli

Rimediare alla caduta dei capelli, al contrario di quello che molti sostengono, non è impossibile. Ovviamente occorre trovare professionisti competenti che sappiano valutare in modo oggettivo il singolo caso in esame e le eventuali soluzioni a disposizione. Ogni problema va analizzato nella sua specificità considerando, in particolare, qual è la storia della persona che, in un determinato momento della propria vita, manifesta un problema di capelli.

Questo è possibile grazie ad un percorso personalizzato che ha, come prima tappa, un controllo gratuito di capelli e cuoio capelluto. L’esame gratuito permette infatti di valutare, preventivamente, l’effettiva esistenza di un problema, la sua importanza e gli eventuali passi da compiere per poterlo contrastare in modo efficace.