La caduta dei capelli in primavera: ecco quando preoccuparsi

4883

Con l’avvicinarsi della primavera il freddo invernale sembra solo più un ricordo: le giornate diventano più lunghe e luminose e il nostro organismo ha la necessità di adeguarsi a nuovi bioritmi. Abituato alle rigide temperature invernali, in questo periodo il nostro corpo si sente quindi indebolito dall’arrivo della nuova stagione. E’ naturale in questo frangente avvertire calo delle energie e stanchezza, problemi che si possono associare alla ben nota caduta di capelli caratteristica del cambio di stagione.

caduta-capelli-primaveraQuesto fenomeno, che avviene solitamente fra marzo e maggio, è in parte fisiologico e dovuto con tutta probabilità al mutamento del metabolismo del nostro organismo. Tuttavia, proprio perché sembra del tutto naturale, la caduta stagionale può nascondere problemi del cuoio capelluto già presenti prima dell’arrivo della primavera. E’ quindi opportuno valutare l’entità della propria perdita di capelli e osservare se si associa ad altri inestetismi del cuoio capelluto.

Come distinguere una caduta stagionale da un diradamento anomalo?

La caduta di capelli stagionale è identificabile a livello scientifico come un telogen effluvium: questa tipologia di caduta, in particolare, non è accompagnata da problemi al cuoio capelluto quali forfora (secca e grassa) e seborrea. Se, quindi, alla abbondante caduta stagionale si associano questi sintomi (uniti a prurito e dolore al cuoio capelluto) è bene non perdere tempo ed effettuare un controllo tricologico approfondito.

Riconoscere in tempo il problema di capelli che ci affligge può essere determinante per scongiurare conseguenze ben più gravi come stempiature, diradamento precoce e calvizie. L’insorgere di questi inestetismi, infatti, può causare disagio e imbarazzo facendo diminuire la nostra autostima e, di conseguenza, la qualità dei nostri rapporti sociali.

I centri dell’Istituto Svizzero Dermes invitano, specialmente in questo periodo, ad effettuare un check-up dei capelli gratuito in grado di stabilire se la caduta abbondante è dovuta al cambio di stagione o nasconde problemi del cuoio capelluto che necessitano di un trattamento tricologico specifico e personalizzato.

Non trascuriamo i nostri capelli: un semplice esame può salvarli!

La caduta dei capelli in primavera: ecco quando preoccuparsi
5 (100%) 2 voti