Zinco e caduta dei capelli: una relazione possibile?

11508

La caduta dei capelli è un argomento molto dibattuto a livello scientifico. Se per alcune forme di alopecia la scienza ha trovato motivazioni piuttosto valide (ad esempio per l’alopecia androgenetica) per altre come l’alopecia areata o il telogen effluvium non si hanno ancora riscontri chiari e definitivi. Sappiamo per certo che lo stress è un importante fattore che può influire su queste forme di perdita di capelli ma la ricerca non è ancora riuscita a spiegare efficacemente perché la tensione psico-fisica sia in grado di danneggiare i nostri capelli.

Uno studio pubblicato da due ricercatori coreani nel novembre 2013 potrebbe contribuire a fare luce su queste due tipologie di caduta di capelli. I due studiosi hanno infatti realizzato una ricerca che ha analizzato i livelli di zinco e rame presenti in 312 persone affette da problemi di capelli. Le persone sono state suddivise in tre gruppi:

  • persone affette da alopecia androgenetica (uomini e donne)
  • persone affette da alopecia areata
  • persone affette da telogen effluvium

ricerca capelli zincoLo studio ha inoltre previsto il confronto fra questi gruppi e un gruppo di 30 persone non affette da problemi di capelli. Le analisi hanno messo in evidenza che le persone colpite da alopecia androgenetica (sia uomini che donne) non hanno livelli di zinco inferiori a quelli del gruppo di individui privi di problemi di capelli. Un’ulteriore analisi ha invece messo in evidenza che i gruppi affetti da alopecia areata e telogen effluvium avevano un basso livello di zinco nel proprio corpo. Per quanto riguarda il rame, invece, la ricerca non ha rilevato correlazioni significative fra i gruppi con problemi di capelli e il gruppo di controllo composto da 30 persone.

La relazione fra bassa concentrazione di zinco e caduta di capelli è molto interessante sebbene altri studi l’avessero, in precedenza, messa in discussione. Lo zinco, infatti, è un elemento fondamentale per la sintetizzazione delle proteine e gioca un ruolo importante per lo sviluppo di un capello sano agendo sull’attività del follicolo pilifero. L’importanza di questo elemento è inoltre attestata dal fatto che in situazioni di carenze alimentari e abuso cronico di bevande alcoliche si può manifestare un’abbondante caduta di capelli.

Ulteriori ricerche potrebbero confermare gli esiti di questo studio la cui importanza è basata sull’ampiezza del campione preso in considerazione: gli studi precedenti, infatti, si basavano su gruppi di persone notevolmente più piccoli. I nostri esperti in tricologia seguono con interesse gli sviluppi di questi studi che potrebbero contribuire in futuro a incrementare ulteriormente l’efficacia dei metodi oggi a disposizione per combattere la caduta dei capelli. Anche se mancano ancora dei tasselli per comprendere fino a fondo le ragioni che portano la nostra chioma a diradarsi abbiamo, tuttavia, delle certezze. Riconoscendo tempestivamente una caduta di capelli e intervenendo con rimedi tricologici specifici e tecnologie all’avanguardia come il laser per capelli e l’alta frequenza è infatti possibile arrestare la caduta e tornare ad avere una chioma in salute.

A tutt’oggi, quindi, la prevenzione rimane la soluzione migliore per affrontare i problemi di capelli: effettuare un check-up dei capelli può fare la differenza soprattutto se si rivela utile per  trovare i migliori rimedi per contrastare tempestivamente ed efficacemente la perdita di capelli.

Zinco e caduta dei capelli: una relazione possibile?
1 (20%) 2 voti