Come rimediare ai capelli secchi, aridi e sfibrati

189172

Avere i capelli secchi o aridi è molto comune sia tra gli uomini che tra le donne di tutte le età. Per alcuni rappresenta solo un problema estetico, per altri comincia come un semplice inestetismo e si trasforma, nel tempo, in un problema di salute dei capelli. Non a caso i capelli secchi spesso sono fragili e tendono a sfibrarsi. Inoltre si riscontra un’alta frequenza di casi in cui i capelli secchi si spezzano facilmente e sono soggetti a cosa fare per capelli secchi e sfibrati tricoptilosi o altre forme di danneggiamento del fusto.

“Ho i capelli secchissimi” o “ho i capelli rovinati” sono frasi tipiche delle persone che si presentano ai centri Dermes per risolvere un problema che in realtà va oltre la dimensione estetica. Sovente infatti il quadro è reso più complesso dalla concomitanza di diversi sintomi:

  • capelli secchi e sfibrati con presenza di doppie punte;
  • capelli che si spezzano facilmente molto fini e secchi;
  • cute secca e capelli secchi;
  • cute grassa e capelli secchi;
  • capelli secchi e sottili soggetti a caduta.

Cause dei capelli secchi

Come per molte altre anomalie del cuoio capelluto le cause dei capelli secchi sono varie e spesso difficili da contrastare, spesso quindi, nell’impossibilità di rimuovere le cause, si è costretti a intervenire sui sintomi allo scopo di attenuare il problema e renderlo gestibile.

Tra i fattori più comuni vanno ricordati:

Cause endogene (di origine interna):

  1. ormonali. Influenzano la formazione del capello e l’attività follicolare inibendo in alcuni casi la produzione di sebo;
  2. nutrizionali. Carenze alimentari o diete povere di alcuni nutrienti fondamentali come proteine, vitamine o minerali, modificano il processo di cheratinizzazione, producendo l’indebolimento e l’assottigliamento dei capelli;
  3. genetiche. I capelli secchi sono la conseguenza di fattori ereditari in modo analogo a quanto succede, per esempio, con i capelli fini di costituzione.
  4. produzione sebacea. L’insufficiente produzione di sebo è la più comune causa di capelli secchi. In questi casi lavarsi i capelli troppo frequentemente contribuisce a rendere i capelli ancora più secchi e spenti.

Cause esogene (di origine esterna):

  1. trattamenti cosmetici. Molto frequenti sono anche i casi di capelli secchi causati da permanenti, tinture, meches. Anche usare la piastra abitualmente è sconsigliabile dato che produce danni alla struttura del capello;
  2. trattamenti igienici errati. Lavaggi troppo frequenti e l’uso ripetuto di shampoo aggressivi alla lunga può provocare secchezza dei capelli e della cute. L’uso del phon a temperature troppo alte o troppo vicino al cuoio capelluto è un’altra causa di secchezza.
  3. fattori ambientali. L’eccessiva esposizione ai raggi solari, temperature molto rigide, il sale marino, il cloro delle piscine e l’inquinamento atmosferico, presi singolarmente o combinati fra loro, sono deleteri per la salute dei capelli e sono decisamente cause molto comuni di capelli aridi e secchi.

La casistica è estremamente varia. Ci sono persone, per fare solo un esempio, che conducono una vita molto frenetica (quindi stressante), hanno una cattiva alimentazione (a volte priva di elementi nutritivi importanti) e vanno spesso sul motorino senza casco (sottoponendo i capelli all’effetto del vento e dello smog). Questo insieme di fattori si traduce facilmente in capelli secchi e spenti, opachi. Evidentemente le situazioni e le variabili in gioco sono tantissime.

Capelli secchi e cute grassa

foto donna con cute grassa e punte dei capelli secchi. Cosa fare e come rimediareContrariamente a quanti molti pensano, sono piuttosto frequenti i casi di persone con cute grassa e capelli secchi sulle punte. Questo fenomeno di solito si verifica quando si produce una eccessiva quantità di sebo grasso. A differenza del sebo oleoso, che tende a spargersi sui capelli (rendendoli grassi) e sulla cute, il sebo grasso si compatta sul cuoio capelluto e non lubrifica i capelli. In più, lo strato di grasso accumulatosi tende a trattenere l’acqua espulsa dalle ghiandole sudoripare, con un ulteriore effetto di inaridimento della capigliatura.

Dunque, con il sebo oleoso i capelli diventano unti e la cute oleosa, con il sebo grasso la cute si presenta grassa ma i capelli restano secchi soprattutto sulle punte.

In questi casi, per essere efficaci, i trattamenti devono assolvere a una doppia funzione: lavare e purificare il cuoio capelluto grasso, nutrendo e lubrificando contemporaneamente le punte secche. Un rimedio idoneo dovrà quindi ripristinare l’equilibrio acido-idro-lipidico della cute restituendo lucentezza e vitalità ai capelli.

Capelli secchi e cute secca

La secchezza generale di cute e capelli può essere prodotta da un difetto nella secrezione sebacea, da una inadeguata sudorazione (disidrosi), oppure dalla combinazione di entrambi i fenomeni. Nel primo caso la quantità di lipidi espulsi sul cuoio capelluto è scarsa e non permette di lubrificare la cute e i capelli; le ghiandole sebacee non lavorano come dovrebbero. La disidrosi, invece, significa che sono le ghiandole sudoripare a non funzionare regolarmente, privando la cute di un apporto sufficiente di acqua, che fra le altre cose ha la funzione di spargere più uniformemente il sebo su tutta la capigliatura. I capelli crespi e stopposi a volte sono il risultato di questa carenza di lipidi e liquidi che normalmente aiutano a districare i capelli.

Quando i capelli secchi si accompagnano a cute secca i rimedi adatti sono quelli capaci di fornire un apporto supplementare di lipidi, acqua e sostanze nutrienti (prodotti rigeneranti), stimolando contemporaneamente l’attività delle ghiandole sebacee e/o sudoripare. La laserterapia è utile a vascolarizzare la cute rivitalizzandola, mentre massaggiare il cuoio capelluto quotidianamente favorisce la secrezione cutanea.

Rimedi per capelli secchi

Quando il problema dei capelli secchi è di lieve entità e non richiede l’intervento di specialisti o il ricorso a rimedi sofisticati, è comunque consigliabile praticare delle soluzioni che prevengano una degenerazione ulteriore delle condizioni della capigliatura. Si tratta, allora, di rinforzare i capelli con tecniche e prodotti utili a rendere più sana e lucente la chioma, tra questi:

  • impacchi di oli vegetali ricavati da mandorla, oliva o lino;
  • maschere ristrutturanti a base di miele o cannella;
  • shampoo preparati con estratto di uova e limone;
  • balsamo al rosmarino.

Se questi rimedi naturali, così come i “rimedi della nonna”, per esempio l’uso dell’olio extravergine d’oliva per proteggere e lubrificare i capelli secchi, non dovessero produrre risultati apprezzabili, e anzi si riscontrasse un progressivo peggioramento della salute dei capelli, sarebbe opportuno prenotare una visita specialistica. Capelli estremamente secchi e sfibrati o soggetti ad assottigliamento sono a rischio caduta e vanno recuperati prima che sia troppo tardi.

Come rimediare ai capelli secchi, aridi e sfibrati
4.21 (84.15%) 53 voti