Seborrea o ipersecrezione sebacea

188634

La seborrea o ipersecrezione sebacea è la produzione di sebo in eccesso a causa dell’iperattività delle ghiandole sebacee. Prurito alla testa e dolore al cuoio capelluto sono sintomi comuni della seborrea; la caduta dei capelli è una conseguenza naturale se l’anomalia si protrae a lungo. La seborrea talvolta evolve in dermatite seborroica, una condizione in cui l’eccesso di sebo si accompagna a un’infiammazione della cute che reagisce producendo squame oleose e rendendo grasso il cuoio capelluto, dietro le orecchie e all’interno del canale uditivo, oltre ad una sensazione di dolore al cuoio capelluto.

seborrea e sebo in eccesso sui capelli

Il sebo, in condizioni normali, è una sostanza grassa che protegge la cute dalla disidratazione e svolge una funzione antibatterica; ma quando si produce sebo in eccesso a causa della seborrea, si verifica un’alterazione dell’equilibrio idro-lipidico della cute con conseguenze che vanno dai semplici inestetismi alla caduta di capelli, dall’acne, alla formazione di comedoni o alla follicolite.

Seborrea + Caduta Capelli = Alopecia seborroica

Il problema del sebo in eccesso e della seborrea, specie se prolungato nel tempo, può diventare causa di caduta dei capelli, e prende il nome di alopecia seborroica. Ciò avviene perchè il sebo in eccesso si accumula nei dotti escretori (canali) dei follicoli impedendo una corretta ossigenazione dei capelli, nonchè il sano sviluppo degli stessi. In questo modo i capelli a ogni ciclo di ricrescita risultano più fini, corti e spenti; essendo più deboli, la loro fase di crescita (anagen) si riduce progressivamente a ogni ciclo fino all’atrofia dei follicoli. Questo è il motivo per cui è importante intervenire tempestivamente per eliminare o ridurre la seborrea con adeguati trattamenti tricologici.

Tipi di seborrea

Per sapere come trattare e possibilmente eliminare la seborrea è necessario distinguere fra:

SEBORREA FISIOLOGICA

Le ghiandole sebacee sono organi secretori che si innestano nei follicoli piliferi con la funzione di secernere sebo. La secrezione sebacea è un processo assolutamente normale che inizia nella pubertà e assolve due compiti fondamentali:

  1. contribuisce a creare il mantello idro-lipidico che protegge il cuoio capelluto e i capelli dagli agenti ambientali esterni (sole, freddo, polveri, batteri, ecc.);
  2. lubrifica, protegge e impermeabilizza il fusto dei capelli in crescita, già all’interno dei follicoli.

Entro certi limiti l’attività delle ghiandole sebacee va dunque considerata utile e per questo viene definita seborrea fisiologica.

SEBORREA PATOLOGICA

Quando la produzione di sebo è abnorme, la funzione normale delle ghiandole sebacee si trasforma in un’anomalia della cute dando origine alla seborrea patologica. Questa di solito rende i capelli grassi e la cute dei capelli grassa e oleosa, talvolta però, quando il sebo in eccesso non trova sbocco all’esterno e ristagna all’interno dei follicoli, rende la cute secca e ruvida al tatto. In questi casi si parla di pelle asfittica, una condizione che favorisce la formazione di comedoni.

SEBORREA OCCASIONALE

Fenomeni di ipersecrezione sebacea limitati a brevi periodi non sono considerati patologici e sono più facilmente trattabili. Tra le cause più comuni vi sono: fattori ambientali esterni, trattamenti per capelli sbagliati, infezioni del cuoio capelluto.

Cause della seborrea patologica

la seborrea su una cute seborroicaLe cause della seborrea non sono ancora del tutto chiare, ma sono stati identificati alcuni fattori che, specialmente se concomitanti, la favoriscono:

DISTURBI DEL RICAMBIO

Un’alimentazione troppo ricca di grassi altera l’attività metabolica dell’organismo che è costretto a “difendersi” espellendo i grassi in eccesso attraverso le ghiandole esocrine e, tra queste, le ghiandole sebacee, le quali si mettono a produrre più sebo del normale causando seborrea;

DISTURBI DIGESTIVI (disfunzioni epatiche e intestinali)

Talvolta delle disfunzioni a livello digestivo alterano la composizione chimica del sebo prodotto rendendolo inutilizzabile o inadeguato alla sua funzione protettiva per cute e capelli. L’organismo reagisce espellendolo, ma poiché la cute continua ad avere bisogno di grassi, le ghiandole continuano a secernere sebo creando un circolo perverso che non permette di eliminare la seborrea e curare la cute seborroica.

AUTOINTOSSICAZIONE

Si verifica quando disturbi digestivi o del ricambio alterano le normali secrezioni ghiandolari producendo tossine che, attraverso il sebo e il sudore, si depositano sul cuoio capelluto danneggiandolo. A questo punto siamo in presenza di seborrea patologica.

SQUILIBRI ORMONALI

È abbastanza accreditata l’ipotesi, anche se manca l’assoluta certezza, che la seborrea sia condizionata anche dall’influenza delle ghiandole endocrine (a secrezione interna). Pertanto degli squilibri ormonali della tiroide e dell’ipofisi potrebbero causare, attraverso complessi meccanismi biochimici, fenomeni di seborrea patologica. La pubertà negli uomini e la menopausa nelle donne sono i periodi in cui il pericolo di ipersecrezione sebacea per cause endocrine è più probabile.

FATTORI NERVOSI E STRESS

È noto che l’equilibrio del sistema vago-simpatico influenza la regolazione dell’afflusso del sangue alla cute dei capelli, gli scambi cellulari e la secrezione ghiandolare; quando il sistema vago prevale sul sistema simpatico (vagotonia) si produce un’accelerazione della circolazione del sangue e della secrezione sebacea che causa seborrea.

cause della seborrea ai capelli

Cause della seborrea occasionale

La seborrea occasionale ha origine da cause esterne all’organismo umano che si dividono in:

FATTORI AMBIENTALI

Una delle cause più comuni della seborrea occasionale è il calore dell’ambiente in cui si vive o si lavora. Il calore, infatti, aumenta la vasodilatazione dei capillari del cuoio capelluto, generando un maggiore afflusso di sangue e la produzione di sebo in eccesso. Questo fenomeno è maggiormente avvertito da chi lavora in ambienti caldi e umidi, dove la seborrea tende ad associarsi a iperidrosi (eccessiva sudorazione), producendo capelli unti e appesantiti;

TRATTAMENTI PER CAPELLI

Prassi igieniche scorrette, trattamenti troppo aggressivi o prodotti sbagliati possono favorire la seborrea. In particolare:

sebo in eccesso sul cuoio capelluto

  1. Fasi igieniche troppo essiccanti. Il delicato equilibrio acido-idro-lipidico del cuoio capelluto può essere compromesso da un’azione detergente sbagliata con due possibili conseguenze: seborrea o, al contrario, cute secca e desquamazione.
  2. Lozioni per capelli troppo alcoliche. L’alcol ha un effetto essiccante sulla cute e contemporaneamente esercita un’azione stimolante sulle ghiandole sebacee con rischio di seborrea. In sostanza possono provocare gli stessi problemi di shampoo troppo alcalini.
  3. Abuso di sostanze alcaline. Nella prassi igienica, soprattutto di chi già soffre di seborrea, sono assolutamente da evitare prodotti alcalini poiché, avendo un’azione troppo sgrassante, stimolano le ghiandole sebacee a secernere più sebo, avendo pure un’azione disgregatrice della cheratina.
  4. Massaggi troppo intensi e prolungati. Il massaggio del cuoio capelluto è estremamente utile per la salute dei capelli, poiché mobilizza la cute rispetto al tavolato osseo, toglie le tensioni, provoca lo svuotamento dei canali escretori delle ghiandole sebacee, ha un effetto iperemizzante (di richiamo del sangue) sulla cute e, in definitiva, migliora l’alimentazione del bulbo pilifero. Esagerando con i massaggi ai capelli si rischia, però, di stimolare la produzione eccessiva di sebo e quindi la seborrea. Un massaggio moderato di cinque minuti è sufficiente a procurare giovamento al cuoio capelluto.
  5. Spazzolature. Analogamente al massaggio del cuoio capelluto, spazzolare i capelli favorisce la microcircolazione sanguigna che porta il nutrimento ai bulbi piliferi. Spazzolature troppo prolungate possono favorire la seborrea, mentre spazzolature troppo energiche possono danneggiare la cute.
  6. Microrganismi patogeni (infezioni). Il Demodecio dei follicoli (Demodex folliculorum) è un acaro vermiforme che in determinate condizioni può innescare reazioni infiammatorie che stimolano l’apparato ghiandolare all’ipersecrezione sebacea o seborrea.

Danni provocati dalla seborrea

La seborrea, specialmente quella patologica, provoca quasi sempre la caduta dei capelli e se non si interviene con trattamenti specifici può compromettere seriamente la ricrescita dei capelli con l’instaurarsi di un’anomalia detta alopecia seborroica. I danni al cuoio capelluto sono favoriti dalla seborrea, cioè dal sebo in eccesso sulla cute, dove più facilmente possono verificarsi infezioni provocate da microrganismi patogeni.
Un elenco dei danni causati dalla seborrea include:

seborrea e caduta dei capelli

  • caduta capelli e accelerazione calvizie;
  • capelli grassi e unti;
  • cute grassa e oleosa, talvolta maleodorante;
  • follicolite, quando la seborrea si associa a lesioni follicolari e infezioni;
  • acne o comedoni, quando la seborrea non trova sbocco a causa dell’ostruzione dei follicoli;
  • pitiriasi steatoide, se la seborrea si accompagna alla forfora;
  • dermatite seborroica, se la seborrea si associa a un’acuta infiammazione della cute;
  • inestetismi e deterioramento dei capelli, specialmente se la seborrea si produce insieme a iperidrosi.

Seborrea e forfora grassa

rimedi anti sebo e forforaTalvolta i fenomeni della seborrea e della forfora confluiscono in un unica anomalia del cuoio capelluto, in cui l’eccesso di sebo si accompagna alla presenza di squame giallastre sulla cute dei capelli. Ciò succede quando lo strato più superficiale della cute in presenza di una prolungata seborrea si rammollisce troppo, dando il via a una desquamazione che produce forfora (scaglie di pelle) grassa. In questi casi, che spesso generano un forte prurito alla testa, è importante rilevare il corretto rapporto causale e intervenire con trattamenti tricologici anti-sebo e non anti-forfora, dato che la causa del problema è l’ipersecrezione sebacea, mentre la forfora è solo un sintomo.

Dalla seborrea alla dermatite seborroica

Non di rado la seborrea si accompagna a una forma di eczema conosciuta come dermatite seborroica. La dermatite seborroica ha origine infiammatoria e si verifica quando la composizione chimica del sebo e del sudore, anche a causa di agenti patogeni, è tale da produrre un’infiammazione del derma. La dermatite seborroica causa la perdita di squame untuose (forfora) non solo dal cuoio capelluto, ma anche da altre aree ricche di ghiandole sebacee:

  • sopracciglia;
  • aree cutanee ai lati del naso;
  • aree cutanee dietro le orecchie;
  • zona ascellare;
  • zona inguinale.

Un forte prurito alla testa e alle aree citate è comune nei soggetti colpiti da dermatite seborroica. Questa, così come la semplice seborrea, può anche causare una sensazione di fastidio e dolore al cuoio capelluto.

Rimedi alla seborrea

Esistono efficaci rimedi sia per la seborrea patologica che la seborrea occasionale sottoponendo il cuoio capelluto ad adeguati trattamenti locali. A differenza della seborrea occasionale, però, la seborrea patologica richiede delle visite di controllo semestrali volte a verificare le condizioni del cuoio capelluto e dei capelli. Al di là degli aspetti estetici la seborrea non va sottovalutata perchè potrebbe preludere a una grave perdita dei capelli (alopecia seborroica) in seguito al deterioramento del metabolismo follicolare.

Un rimedio contro la seborrea per essere efficace dovrebbe assolvere alle seguenti funzioni:rimedi e cure per la seborrea

  • svolgere un’azione antisettica;
  • servirsi di lozioni in cui siano presenti sostanze liposolubili (che hanno la facoltà di sciogliersi nei grassi) o dei solventi dei lipidi (grassi) che permettano alle sostanze biologicamente attive di raggiungere le ghiandole sebacee;
  • agire sul sebo in eccesso con un’azione lenitiva svolta da sostanze attive quali: aminoacidi, zolfo, catrame di pino;
  • esercitare un’azione astringente sulle ghiandole sebacee in modo da impedire la produzione eccessiva di sebo;
  • neutralizzare l’odore di rancido provocato dall’ossidazione superficiale dei lipidi (grassi) indotta dalla seborrea.

I trattamenti anti-seborroici e ad azione sebo-equilibrante risultano doppiamente efficaci se associati a trattamenti biostimolanti con l’Alta Frequenza che disinfettano la cute e vascolarizzano i follicoli favorendo l’attività dei bulbi piliferi. La laserterapia, a sua volta, è un’utile alternativa per rinforzare i capelli stimolando l’attività follicolare.

Come sempre al fine di agire con cognizione di causa, calibrando le cure in funzione delle caratteristiche della cute e dei capelli in questione, è necessario effettuare un esame del capello.

Combattere la seborrea e la caduta di capelli è possibile. Grazie a trattamenti igienizzanti che agiscono sul sebo sciogliendo i grassi in eccesso e a trattamenti effettuati grazie a tecnologie innovative, come l’Alta Frequenza e il laser, si può evitare il fastidioso prurito alla testa e il dolore che contraddistingue questa affezione del cuoio capelluto. I trattamenti personalizzati sono realizzati sulla base dei risultati ottenuti con il test del capello e pensati per contrastare l’evoluzione della seborrea in dermatite seborroica o alopecia seborroica.

Seborrea o ipersecrezione sebacea
4.43 (88.7%) 69 voti