Dopo una cura contro i pidocchi perdo i capelli

3920

Bologna, ottobre 2012

Non volevo scrivere questo articolo perché mi sono detta: “Sicuramente chi mi legge penserà che l’abbia scritto il Centro Dermes per farsi pubblicità”. Poi ho pensato: “E se io dessi il mio numero di cellulare perché la gente mi contatti?” E così sia! Sono una donna ora di 54 anni e qualche anno fa dopo una cura fatta troppo frequentemente contro i “pidocchi” mi sono ritrovata a perdere i capelli a ciocche. Ogni volta che mi pettinavo o ancora di più quando li lavavo, il lavandino era ricoperto di capelli. Non una caduta abbondante, di più: erano, come ho detto, grosse ciocche. Lessi la pubblicità della Dermes su un quotidiano. Mi dissi: “Provare non costa niente!” Telefonai e presi un appuntamento. Quando mi proposero la cura che avrei dovuto fare mi demoralizzai. Fiale di un colore, fiale di un altro colore, ogni giorno fiale e sarei dovuta stare, a seconda della fiala, con i capelli unti. Decisi ugualmente di fare la cura, rivolevo i miei capelli. La Dermes fu molto leale, mi dissero che i miei capelli sarebbero ricresciuti ma in quale percentuale non si poteva prevedere. Ero fiduciosa, qualsiasi miglioramento, anche parziale, mi sarebbe andato bene, oltretutto cominciava l’età della menopausa. Ricordo che non ho mai “saltato” una fiala. Avevo anche l’aiuto di mio marito che mi spargeva il medicinale su tutta la capigliatura e frizionava. Coccole e cura, non male! Non ho mai “saltato” nemmeno un controllo al Centro Tricologico. All’inizio dovevo andare ai controlli una volta alla settimana, poi ogni 15 giorni, poi una volta al mese. Sono sempre andata e invece di prendere questi impegni come una scocciatura mi dicevo: “Mi prendo un po’ di tempo per me, nell’occasione approfitto per andare a vedermi qualche negozio e mi faccio un giro in centro”. La costanza cominciò a premiarmi. Cominciai a sentire una “folta barbetta” sul cuoio capelluto: stavano uscendo i nuovi capelli. Erano più sottili, certo, ma erano tanti e la mia chioma pian piano cambiò. Come ho detto stavo entrando in menopausa e non so se può essere stato per quello o per cos’altro, dopo circa 2-3 anni i miei capelli perdevano tonicità. Non mi persi d’animo, lo feci presente al Centro, cercammo di capire quale fosse il problema e ricominciai una cura (più leggera, non la stessa). So che poteva sembrare “la storia infinita” ma evidentemente i capelli sono il mio punto debole. Prima di andare al Centro ho speso tanti soldi in farmacia e in erboristeria cercando di risolvere il problema. Forse anche quei prodotti mi saranno stati d’aiuto, forse se non avessi usato quei prodotti sarebbe stato ancora peggio ma i capelli non ricrescevano, risultati non ne vedevo. Ora quando c’è bisogno di dare un po’ di vita ai miei capelli vado a trovare la dottoressa del Centro.

M. L. C.
Bologna

CONDIVIDI