Calvizie femminile: Scala Ludwig

42282

La calvizie femminile, definita anche alopecia androgenetica femminile, è la caduta dei capelli nella donna dovuta a cause genetiche, a cui talvolta si aggiungono anche cause aggravanti di diversa origine (ormonali, ambientali, alimentari, chimico-farmacologiche, psicologiche, ecc.). A differenza della calvizie maschile in cui la caduta si concentra in alcune aree della testa, la caduta di capelli nelle donne si distribuisce più uniformemente su tutta la superficie del cuoio capelluto, lasciando apparentemente integra la linea frontale.

Non è il tuo problema?

Fatti guidare

Risolvi il tuo problema

Scopri come

Scopri la linea

Vai al negozio

La calvizie femminile si manifesta generalmente tra i 30 e i 40 anni, ma può anche comparire in concomitanza con fasi importanti della vita di una donna come pubertà e menopausa.

Calvizie femminile: classificazione

La calvizie femminile è stata classificata per la prima volta dal dottore Erich Ludwig nel 1977 in 3 gradi che misurano il grado di diminuzione della densità di capelli sul cuoio capelluto delle donne.

L’alopecia androgena femminile si manifesta solitamente con la perdita di capelli nella parte superiore al centro della testa, corrispondente alla linea che la divide in due. Comincia con un assottigliamento dei capelli che finisce per causarne la scomparsa e l’area comincia a diradarsi.

Grado 1: Alopecia discreta

Quando i capelli della zona centrale della testa sono così sottili da fare intravedere il cuoio capelluto.

Grado 2: Alopecia moderata

Quando la densità dei capelli è diminuita in tutta la parte superiore e centrale della testa, con il cuoio capelluto sempre più evidente. I capelli crescono più lentamente e sono sempre più sottili e di peggiore qualità.

Grado 3: Alopecia severa

La zona interessata comincia a prendere una forma circolare ed è molto più estesa, ricordando l’alopecia androgenetica maschile nelle sue fasi più avanzate. Statisticamente è molto difficile che l’area resti completamente calva.

La scala Ludwig, seppur datata, è stata tuttavia il punto di partenza per le successive classificazioni della calvizie femminile.

scala ludwig

La rappresentazione più condivisa nel mondo scientifico è quella elaborata dallo studioso Savin nel 1994. Questa classificazione suddivide i tre livelli della scala Ludwig in sottofasi per identificare in maniera più accurata gli stadi di avanzamento della calvizie e aggiunge uno stadio speciale dedicato alla calvizie frontale.

scala di savin

In particolare i gradi dell’alopecia femminile definiti da Savin sono:

I GRADO (1-4)

La calvizie si presenta come un lieve diradamento dei capelli sulla parte superiore del cuoio capelluto, più o meno marcato a seconda dell’intensità della caduta di capelli;

II GRADO (1-2)

Donne con diradamento capelli pronunciato. A questo livello la calvizie ha già un impatto estetico negativo e psicologicamente debilitante;

III GRADO

Calvizie femminile con diradamento esteso su tutta la parte superiore della testa;

Alopecia AVANZATA

Calvizie grave con diradamento esteso su tutto il capo; condizione rara nella donna;

Alopecia FRONTALE

Calvizie femminile grave con recessione frontale; condizione molto rara nella donna.

Nel 2006 lo studioso Sinclair ha elaborato un’ulteriore rappresentazione della calvizie femminile partendo dalla classificazione di Savin. Sinclair, in particolare, ha suddiviso in 5 fasi il processo di diradamento della cute femminile. Il suo tentativo era quello di semplificare ulteriormente il lavoro di Savin senza le fasi intermedie.

scala sinclair

Cosa offre l’Istituto Svizzero Dermes

Per una corretta prevenzione e per favorire la ricrescita di capelli sani e forti è possibile consultare il ricco ventaglio di proposte che presenta il catalogo dell’Istituto Svizzero Dermes con i suoi trattamenti tricologici e i suoi prodotti igienici, senza siliconi e parabeni e con ingredienti derivati da estratti vegetali.

I trattamenti tricologici Dermes sono studiati per risolvere le differenti problematiche dei capelli e del cuoio capelluto. Ogni trattamento infatti affronta e risolve diversi problemi dei capelli e del cuoio capelluto con azioni fra loro diverse:

  • riequilibrio del cuoio capelluto;
  • nutrimento dei capelli danneggiati e con tendenza a cadere e spezzarsi;
  • stimolazione del follicolo pilifero, se non atrofizzato, per favorire la ricrescita dei capelli;
  • mantenimento dei risultati ottenuti con precedenti trattamenti.

Anche per la fase igienica è possibile trovare nel catalogo dell’Istituto Svizzero Dermes un vasto assortimento di prodotti in grado di favorire il naturale equilibrio fisiologico nelle differenti fasi del lavaggio dei capelli. Prodotti igienici, delicati e appropriati, che grazie ai principi attivi naturali presenti sono in grado sia di normalizzare le principali anomalie del cuoio capelluto prevenendo le cause della caduta dei capelli.