Dermatite seborroica del cuoio capelluto

754405

La dermatite seborroica del cuoio capelluto è una forma di eczema o infiammazione della cute per lo più causata da un’atrofia dei capillari sanguigni che porta ad una morte continuativa delle cellule del derma unita, nel contempo, ad una produzione eccessiva di sebo da parte delle ghiandole sebacee. Le cellule sfaldandosi causano una forte infiammazione che porta alla formazione di squame e, nei casi più gravi, alla comparsa di crosticine in testa o follicolite.

Non è il tuo problema?

Fatti guidare

Risolvi il tuo problema

Scopri come

Scopri la linea

Vai al negozio

I sintomi della dermatite seborroica

Prurito alla testa, arrossamento della pelle (eritema), squame giallastre o biancastre (forfora), escoriazioni, crosticine e croste in testa di spessore variabile, sensazione di dolore al cuoio capelluto e male ai capelli, sono i sintomi tipici della dermatite seborroica, variabili a seconda della gravità del fenomeno. Oltre al cuoio capelluto, le altre aree frequentemente colpite sono:

  • sopracciglia;
  • zona ascellare e schiena;
  • aree cutanee attorno al naso e le orecchie;
  • torace;
  • inguine.

dermatite seborroica cuoio capelluto

La dermatite seborroica colpisce l’1-4% della popolazione con una frequenza maggiore tra i 18 e i 40 anni e in presenza di seborrea. I sintomi tipici della dermatite seborroica a volte la rendono difficilmente distinguibile da altre due anomalie del cuoio capelluto: la psoriasi e la forfora grassa. Saper distinguere fra queste tre manifestazioni cutanee, così come riuscire a valutare correttamente il ruolo della seborrea a seconda dei casi, fa la differenza fra trattamenti efficaci e rimedi inadeguati. Inoltre è importante sottolineare che la dermatite seborroica alterna periodi di miglioramento a periodi di peggioramento dei propri sintomi, spesso in concomitanza con il cambio di stagione.

Dermatite seborroica e caduta dei capelli

Tra dermatite seborroica e caduta dei capelli non c’è alcuna relazione immediata. In alcuni casi, però, la dermatite causa un forte prurito al cuoio capelluto e induce un grattamento continuo delle croste che può causare la caduta dei capelli per traumatizzazione degli stessi. In questi casi sulla cute appariranno aree con diradamento dei capelli ed escoriazioni provocate dal grattamento delle crosticine che si formano in testa. Spesso non è la dermatite ad essere responsabile della caduta di capelli ma, piuttosto, l’ipersecrezione sebacea a ostacolare la normale attività dei follicoli piliferi e la corretta ricrescita dei capelli, con il rischio di degenerare in alopecia seborroica.

Cause della dermatite seborroica

Le cause della dermatite seborroica (che ricordiamo, non è contagiosa e, soprattutto, non è sintomo di scarsa di igiene personale) sono molteplici e spesso si intrecciano fra loro rendendo complicato stabilire una chiara concatenazione causale che spieghi la situazione del soggetto in esame.

cause e rimedi dermatite seborroica

DERMATITE SEBORROICA E CAUSE EREDITARIE

La dermatite seborroica è una malattia con una influente componente ereditaria, per questo è facile riscontrare diversi casi all’interno di uno stesso nucleo familiare;

DERMATITE SEBORROICA E CAUSE INFETTIVE

Infezioni dovute a funghi, batteri e lieviti, che degradano sebo e flora cutanea:

  • Pityrosporum ovale o Malassezia furfur. Un lievito che è parte integrante della normale flora batterica, si trova nella parte terminale dei follicoli piliferi e prolifera dannosamente in presenza di seborrea e acidi. Crescendo libera infatti acidi grassi che causano le reazioni cutanee tipiche della dermatite seborroica: arrossamento, desquamazione, forfora e prurito.

DERMATITE SEBORROICA E CAUSE MECCANICHE

Irritazione per grattamento delle croste o frizioni cutanee aggressive provocate da indumenti o trattamenti cosmetici utilizzati in modo non corretto;

DERMATITE SEBORROICA E CAUSE PSICOLOGICHE

Reazioni psicosomatiche a stress, depressione e traumi;

DERMATITE SEBORROICA E LE CAUSE BIOLOGICO-FUNZIONALI

Disfunzioni della secrezione sebacea che portano a:

  1. ipersecrezione sebacea o seborrea, a cui spesso si aggiungono i capelli grassi;
  2. sebo degradato. Alterazione della composizione qualitativa del sebo con riduzione di trigliceridi, squalene e cere, a fronte di un aumento degli acidi grassi e del colesterolo.

CAUSE LEGATE AD UN DEFICIT DELLE DIFESE IMMUNITARIE

In caso di abbassamento delle difese immunitarie (ad esempio dovuto a patologie come HIV/AIDS) la dermatite seborroica può presentarsi con maggiore probabilità.

Dermatite seborroica nei bambini

I più piccoli spesso sono colpiti dalla dermatite seborroica, specie nelle prime settimane di vita. Sul cuoio capelluto (ma anche nelle zone in cui sono presenti le ghiandole sebacee, come le arcate sopraccigliari, nei pressi delle orecchie ecc.) si formano delle chiazze rosate con delle squame giallastre. In particolare sulla cute si ha la famosa crosta lattea, le cui cause ancora oggi non sono ben definite.
Si crede che questa dermatite nei bambini si manifesti perché gli ormoni della madre, passati nella placenta, abbiano stimolato l’attività delle ghiandole sebacee del feto. Lo smaltimento di questi ormoni richiede qualche tempo: normalmente il problema si risolve entro il terzo mese di vita del bambino.

È consigliabile trattare le croste passando sul cuoio capelluto un batuffolo di cotone imbevuto di olio di oliva, così da facilitare il distaccamento delle squame. Inoltre è importante utilizzare degli shampoo emollienti e delicati.

Dermatite seborroica, psoriasi o forfora grassa?

sebo dermatite seborroica forforaSi tratta di tre anomalie del cuoio capelluto che hanno cause e sintomi in comune e perciò sono facilmente confondibili.
La psoriasi, soprattutto nelle sue manifestazioni più lievi, può essere confusa con la dermatite seborroica, come questa, causa l’irritazione della cute, croste in testa e desquamazione del cuoio capelluto. A differenza della dermatite seborroica, però, le cause sono indipendenti dal sebo e le squame si presentano di colore argenteo e diffuse anche in più zone del cuoio capelluto.

La forfora grassa, invece, tende a confondersi con la dermatite seborroica, soprattutto in assenza di arrossamento della cute, a causa delle squame giallastre e untuose che le due anomalie condividono e che in entrambi i casi sono associate all’eccesso di sebo e/o alle sue degradate proprietà chimiche.

In questo senso, dunque, forfora grassa e dermatite seborroica possono essere considerati come due stadi, di diversa intensità, di una medesima anomalia cutanea:

  • allo stadio lieve prevale la componente desquamatoria, cioè la forfora;
  • allo stadio più grave prevale la componente infiammatoria, cioè la dermatite seborroica.

Infine, la dermatite seborroica va distinta nettamente dalla forfora semplice: quest’ultima è spesso influenzata da cause esterne (shampoo aggressivi, trattamenti cosmetici dannosi, cattiva alimentazione, inquinamento atmosferico, ecc.) eliminate le quali il problema, almeno in parte, regredisce; la prima è invece un disordine di desquamazione dello strato corneo della pelle, cioè un vero e proprio stato patologico cutaneo minore.

Dermatite seborroica: rimedi e cure

Per essere efficaci i rimedi contro la dermatite seborroica devono far ricorso a trattamenti che contengano principi attivi antifungini e antimicotici, in modo da contrastare la crescita della Malassezia Furfur o Pityrosporum ovale, e principi attivi antinfiammatori, per contrastare i sintomi associati all’infiammazione.

Di fatto, per elaborare un trattamento efficace e calibrarlo sulle specifiche caratteristiche del soggetto in esame è necessario fare una corretta analisi dei fattori implicati.

La dermatite seborroica del cuoio capelluto è, infatti, un problema cutaneo multifattoriale e altamente complesso; va assolutamente evitata l’auto-prescrizione perché il rischio di peggiorare la situazione è altissimo.

Consigli per limitare gli effetti della dermatite seborroica

  1. Agire in fretta: la prevenzione è un passo importante per contrastare molti problemi del nostro organismo. Ad esempio, in caso di comparsa di forfora, eccesso di sebo e prurito, si può utilizzare un trattamento per capelli equilibrante che attenua queste problematiche e lenisce il cuoio capelluto.
  2. Evitare prodotti cosmetici e detergenti aggressivi: il nostro corpo può sviluppare reazioni allergiche a determinati prodotti. È importante l’uso di uno shampoo seboregolatore che deterga rimuovendo a fondo le impurità e uno shampoo per forfora che, oltre a contrastare la desquamazione, nutra anche il cuoio capelluto. Anche nella scelta delle lozioni per capelli bisogna prestare molta attenzione: sono da preferire quelle delicate, prive di alcol e in grado di calmare le irritazioni del cuoio capelluto. Se siamo affetti da dermatite, è meglio inoltre evitare di sottoporsi a tinture e trattamenti come meches e shatush.
  3. Non peggiorare la situazione grattando la parte del cuoio capelluto colpita dalla dermatite.

Esistono dei rimedi naturali per limitare la dermatite seborroica?

Nei casi in cui non si sia affetti da una dermatite seborroica di grave entità, si può provare a contrastarla affidandosi ad alcuni rimedi naturali.
Prima di tutto, bisogna avere un occhio di riguardo per l’alimentazione: un consumo elevato di grassi saturi e zuccheri potrebbe incrementare il problema. Sono quindi da privilegiare alimenti ricchi di omega 3.

Tra i rimedi naturali per la dermatite seborroica vi sono unguenti e pomate a base di:

  • aloe vera, sostanza dotata di proprietà lenitive e rigeneranti, utili per calmare rossori e prurito;
  • olio di borragine il quale contiene acido linoleico che è in grado di migliorare l’ossigenazione cellulare;
  • echinacea ricca di echinacoside, capace di contrastare microbi e batteri.